La stagione dei monsoni 2020 e lo stress della diga minaccia i minatori cinesi di Bitcoin

I sostenitori della moneta digitale hanno discusso della stagione dei monsoni del 2020 in Asia orientale e di come ci sia la possibilità che possa scatenare il caos nelle grandi miniere di bitcoin situate in Cina.

Secondo recenti stime, la Cina ha il 50% della capacità mondiale di estrazione di bitcoin

Secondo recenti stime, la Cina ha il 50% della capacità mondiale di estrazione di bitcoin, ma se le strutture minerarie saranno distrutte dalle forti piogge e dalle inondazioni, l’hascrate di Bitcoin Revolution potrebbe precipitare rapidamente.

Durante la prima settimana di luglio, la rete Bitcoin (BTC) ha toccato 125 esahash al secondo (EH/s). Oltre a questo, il prezzo dell’asset cripto si aggira da un po‘ di tempo nella regione dei 9.000 dollari.

Dal 7 luglio, l’hashish di BTC è sceso da 125 EH/s a circa 110 EH/s il 21 luglio, perdendo il 12% della potenza dell’hashish. Anche altri asset di SHA256 come bitcoinsv (BSV) e bitcoin cash (BCH) hanno una quota decente di hashish proveniente dalla Cina.

In questo momento la Cina e molti Paesi dell’Asia orientale soffrono di una stagione monsonica davvero brutta.

Alcuni bitcoiner hanno parlato degli effetti devastanti della stagione dei monsoni, delle forti piogge e delle inondazioni sulle attività minerarie cinesi. Per esempio, Daniel Frumkin ha twittato sull’argomento il 21 luglio, dopo aver ritweettato una dichiarazione scritta da Nic Carter.

Il fondatore della Coin Metrics Nic Carter e il fondatore di Adamant Capital, Tuur Demeester, stavano discutendo „la (potenziale) situazione con la diga delle Tre Gole“ su Twitter. Remarking sull’argomento Frumkin ha twittato:

Un altro esempio della separazione tra l’industria mineraria e il resto dell’industria Bitcoin. Con circa il 50% dell’hashrate di BTC situato nel Sichuan, le implicazioni di gravi inondazioni e di guasti alla diga sono potenzialmente enormi. È stato un argomento importante nella bolla mineraria per settimane.

Gli scienziati hanno fatto risalire il potente clima a un „punto caldo di riscaldamento nell’Oceano Indiano“ e la Cina ha visto „inondazioni storiche“. Una delle maggiori preoccupazioni per la Cina è la tensione della diga delle Tre Gole, poiché la struttura ha preso una batosta in questa stagione monsonica.

La diga delle Tre Gole è la più grande diga idroelettrica esistente

Il Sichuan è anche la sede della più grande concentrazione di operazioni minerarie di bitcoin al mondo. Il Sichuan si trova a monte della Diga delle Tre Gole e ci sono molti altri fiumi e affluenti minori che possono inondare anche nella regione. Gli esperti ritengono che il punto caldo ad alta pressione nell’Oceano Pacifico stia creando una massiccia quantità di condensa che porta a forti precipitazioni.

Tradizionalmente la stagione umida nel Sichuan è buona per i minatori di bitcoin, poiché l’acqua corrente aiuta le risorse idroelettriche. Troppa acqua e inondazioni possono essere devastanti per le operazioni minerarie bitcoin e una serie di stagioni umide hanno danneggiato le operazioni minerarie cinesi in passato. Durante la prima settimana di luglio 2018, news.Bitcoin.com ha riferito di forti piogge in Cina che avrebbero danneggiato migliaia di piattaforme minerarie ASIC.

Quella settimana è stato attribuito a quelle inondazioni un calo del 30% dell’hascrate globale.

Comments are disabled